L’IVASS sanziona ancora gli intermediari sull’antiriciclaggio

Nell’ultimo bollettino di vigilanza IVASS, n. 11/2023, spiccano 4 sanzioni nei confronti di intermediari assicurativi per violazioni della disciplina antiriciclaggio.

Le sanzioni, i cui importi nel caso specifico sono compresi tra € 33.000 ed € 40.000, riguardano le seguenti violazioni:

  • non aver valutato se le informazioni e la documentazione raccolte dai propri collaboratori fossero idonee ad adempiere agli obblighi di adeguata verifica né provveduto ad applicare in via autonoma le ulteriori misure rafforzate di adeguata verifica;
  • mancato svolgimento del controllo costante durante il rapporto continuativo;
  • mancato rispetto dell’obbligo di astenersi dall’instaurare il rapporto continuativo con un cliente ovvero, se l’agente era tenuto contrattualmente a inoltrare tutte le proposte alla compagnia, di segnalare alla compagnia stessa, contestualmente all’inoltro della proposta, le operazioni come sospette;
  • mancata adozione delle necessarie misure proporzionate al rischio per identificare e verificare l’identità del titolare effettivo di contraenti diversi da persona fisica.

Le sanzioni hanno quindi riguardato la violazione di alcuni tra i principali adempimenti antiriciclaggio e testimoniano la particolare attenzione che l’Autorità continua a riservare a questa disciplina.

Visualizza documento