GDPR e Cassazione: la targa di un autoveicolo è un “dato personale”.

Nella sentenza n. 35256/2023 del 18 dicembre u.s. la Cassazione Civile (sezione I) ha ribadito che la targa di un autoveicolo costituisce un “dato personale” in quanto rientra tra le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica.

Ciò – precisano gli Ermellini- “nonostante dal dato personale della targa, consultando il Pubblico Registro Automobilistico, è possibile risalire solo al nominativo dell’intestatario del veicolo che, in astratto, potrebbe anche non esserne l’effettivo utilizzatore o, addirittura, essere una persona giuridica, non oggetto di tutela da parte del GDPR, o un soggetto diverso dall’effettivo proprietario […].  Nella fattispecie in oggetto, è stata ritenuta non conforme al GDPR, la mancata designazione quale subresponsabile del trattamento ex art. 28 cit.  di una società di gestione dei dati relativi all’uso dei parcometri.

Visualizza documento